Lucca: Il bullo del professore ora subisce minacce di morte

Lucca, il ragazzo che ha offeso il suo professore: “Ricevo minacce di morte”.
Le Iene hanno intervistato lʼalunno di Lucca che ha intimidito il suo insegnante mentre veniva ripreso in un video. La vicenda si è conclusa con tre bocciature e tre sospensioni e le scuse del ragazzo alla vicepreside, ma ora che è stato visto e riconosciuto da molti riceve continue minacce anche di morte.
Qui il video delle minacce

http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/lucca-il-ragazzo-che-ha-offeso-il-suo-professore-ricevo-minacce-di-morte-_3135869-201802a.shtml

640x360_C_2_video_834212_videoThumbnail.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

In Italia siamo talmente ingenui e buonisti che ci mettiamo poco a trasformare i prepotenti in vittime. Buon per quel bulletto che interruppi prestissimo la mia carriera di insegnante. Ma non prima di avere trascinato letteralmente per le orecchie e sbattuto fuori dall'aula un paio di maleducati di quello stampo. Ci fossi stato io al posto di quel mansueto professore di 64 anni, i bidelli dell'ITIS di Lucca starebbero ancora cercando sul pavimento i denti del bulletto viziato.

Serve il pugno di ferro, altro che buonismo e perdonismo! Errore gravissimo quello del presidente Mattarella che premia con una onorificenza la professoressa che perdona l'allievo che l'ha accoltellata in aula. Chi porta armi in un'aula scolastica è un soggetto pericoloso che deve finire dietro le sbarre.  Il perdono è un fatto privato, quella professoressa doveva costituirsi in giudizio con l'Istituto contro quel giovane criminale e chiedere anni di carcere minorile. Quando io ero studente una nota in condotta ci faceva tremare. Con il 7 in condotta c'era la bocciatura automatica anche con la media dell'8 in tutte le altre materie. E ne ho visti di casi! Alla seconda assenza ingiustificata scattava la sospensione, alla terza il 7 in condotta e la bocciatura. Mentre ieri leggevo sul FQ che oggi dopo 5 note in condotta si rischia al massimo di non partecipare alla gita scolastica di fine anno. Roba da matti! Per casi come quello di Lucca la bocciatura è inadeguata. Bisogna ripristinare l'espulsione dalla scuola. I genitori dei bulletti li iscrivano a loro spese alla scuola privata, e poi vediamo se riescono a superare gli esami di Stato da privatisti.

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... ah siii? adesso piagnucola xké è lui a ricevere minacce... poverinoooo!!! oltre ke bulletto é pure vigliacco. 

si faccia dar man forte dai suoi amici di bravate pronti filmare le caz*zate scolastike e, da grandi amiconi quando c'é da fare tutti contro uno solo, magari prontamente defilati lasciandolo nella mer*da ke si merita.

la bocciatura é l'epilogo + mite ke possa colpire sti codardi; peccato ke ministra e responsabili ist scolastici si siano svegliati tardi cmq, meglio tardi ke mai.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi fa molto piacere lmeno adesso anche lui sa come ci si sente: gli stà bene e spero che continuino!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Premetto che sono di Lucca. Non mi lascia esterrefatto il vergognoso episodio. E dico, ben venga il vietato filmato, in assenza del quale il povero professore (collega) si sarebbe trovato probabilmente una classe di alunni che avrebbe negato l’accaduto e, triste a dirsi, avrebbero avuto loro la credibilità. Quante situazioni non filmate avvengono nel chiuso di una classe! Questi sono frutti di un ministero che produce solo tante belle parole, tanta burocrazia, tante sigle (come di recente abbiamo udito a un corso di aggiornamento) fra cui il “ptof”! Quante belle parole! Soprattutto da parte di chi non si è mai trovato (o è riuscito a venirne fuori) nella posizione dell’insegnante vittima anche di questo ennesimo atto, o della docente minacciata di essere sciolta nell’acido (vedi video), o di quell’altra, immobilizzata alla sedia col nastro adesivo e presa a calci (episodio recente), o di quell’altro docente…. E la lista andrebbe avanti vertiginosamente. Le responsabilità? Difficile a dirsi. O forse anche troppo facile. Senza dubbio parte dalle alte sfere ove, come detto, il grave problema è ignorato perché non tange personalmente chi si produce in tante vuote chiacchiere e stila paginate su una scuola teorica, affatto scollata da quella reale (scuola del buonismo e non del merito). E dopo pochi anni, lauta pensione. Alla faccia dell'insegnante che dopo 40 anni di difficile servizio vede il traguardo sempre più lontano. Responsabili sono quei p.m. che di principio vogliono vedere nei docenti quei mostri che seviziano i poveri indifesi bambini (vedi video). P.m. che si accaniscono ciecamente verso le reali vittime (rivedi video), come è avvenuto in tempi recenti anche nella nostra città. Dirigenti scolastici di “dubbio” valore tecnico, ma soprattutto morale, che attendono in gloria l’occasione per gambizzare l’insegnante personalmente scomodo, gettandolo nella fossa dei leoni a seguito di qualche chiacchiera di alunni, non necessariamente sfacciati e video-ripresi come in quest’ultimo eclatante episodio. E il discorso potrebbe andare avanti a oltranza e quante cose potrei raccontare, ma non certamente su questo mezzo! Responsabili sono i mezzi d’informazione, che non vedono l’ora di creare l’immagine dell’insegnante-mostro allo squallido fine di vendere un po’ più di carta, ma al tempo stesso passano l’indiretto messaggio di quanta sia la facilità con cui i ragazzi possano inguaiare un “prof”. E il messaggio mediatico è potentissimo. Pensiamo a quanto nuovo “bullismo” è nato da quando se ne fa propaganda, sia pur ovviamente negativa. Forse se la scuola, le testate giornalistiche, la magistratura e perché no il miur iniziassero a vedere la realtà e operassero congiuntamente a cercare delle soluzioni fattive e non le solite chiacchiere, o le lezioni sulla “legalità”, o tanti bei corsi d’aggiornamento purché i docenti impieghino il monte-ore, qualcosa si potrebbe nel tempo ancora recuperare? Io ci credo quanto al risanamento economico della nostra nazione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎23‎/‎04‎/‎2018 in 12:58 , rivaviva ha scritto:

Io questi ragazzini più che minacciarli di morte : gli tirerei giù i calzoni in pubblico specialmente davanti a centinaia 

di ragazze , e vedrete come questi bulletti si ammorbidiscono ( il bulletto di turno se non ha il controllo della situazione

anzi, è lui a subire ) diventa la più innoqua  e timorosa. persona questo sarebbe il mio buonismo. 

 

Lucca, il ragazzo che ha offeso il suo professore: “Ricevo minacce di morte”.
Le Iene hanno intervistato lʼalunno di Lucca che ha intimidito il suo insegnante mentre veniva ripreso in un video. La vicenda si è conclusa con tre bocciature e tre sospensioni e le scuse del ragazzo alla vicepreside, ma ora che è stato visto e riconosciuto da molti riceve continue minacce anche di morte.
Qui il video delle minacce

http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/lucca-il-ragazzo-che-ha-offeso-il-suo-professore-ricevo-minacce-di-morte-_3135869-201802a.shtml

640x360_C_2_video_834212_videoThumbnail.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora