Il vittimismo becero e incivile di un campione alla frutta

La Juventus fuori dalla Champions, il Real Madrid in semifinale. Risultato ineccepibile tirando le somme di andata e ritorno. Il Real ha mostrato sul campo di essere nettamente più forte della Juve e di avere un fuoriclasse (Cristiano Ronaldo) che la Juve non ha. Il Real dominò a Torino e diede spettacolo con CR7, la Juve è stata più incisiva a Madrid dove i padroni di casa forse si erano illusi di poter gestire facilmente il 3-0 dell'andata. Il bilancio complessivo parla chiaro: 32 tiri (di cui 3 pali) del Real contro 23 della Juve, 59% contro 41% nel possesso palla. Ma il rigore decisivo trasformato al Bernabeu da CR7 a tempo scaduto ha innescato un vespaio di polemiche. A mio avviso oggettivamente del tutto infondate. Le immagini in movimento e al rallentatore sono chiare ed evidenziano una netta e volontaria spinta da tergo del difensore, già più che sufficiente per determinare il penalty, e un istante dopo un calcio sul petto dell'attaccante. In diretta i telecronisti di Mediaset danno ragione all'arbitro. Mentre il fermo immagine invocato dal patetico ex arbitro  Cesari nei commenti in studio dopo la partita non dimostra nulla. Si vede solo il piede del difensore tra il petto dell'attaccante e il pallone. Ma quest'ultimo proseguirà nella traiettoria in avanti determinata dal colpo di petto dell'attaccante senza nessuna apprezzabile deviazione da parte del difensore. Un rigore solare, le polemiche sono da bar e da orbi. Sul campo il capitano Gigi Buffon perde le staffe, prende a parolacce l'arbitro e viene giustamente espulso. Una reazione a caldo comprensibile. Molto meno comprensibili le dichiarazioni di Buffon dopo la partita che hanno deluso e sconcertato anche il suo amico ed ex compagno di squadra Del Piero. Buffon ha attaccato l'arbitro definendolo un "animale" e dicendo che ha "un bidone di spazzatura al posto del cuore". Secondo Buffon, infatti, l'arbitro, anziché limitarsi ad applicare il regolamento, avrebbe dovuto ragionare come un tifoso della Juve. E cioè pensare più o meno così: come si fa a dare un rigore dubbio (secondo Buffon) allo scadere di una partita così importante? E come si fa ad espellere per proteste un famoso portiere che a 40 anni sta giocando probabilmente la sua ultima partita in Champions? Bisogna essere degli animali secondo Buffon. Roba da matti! A questo punto, smetta o no di giocare al calcio, il portiere della Juve deve essere punito dalla UEFA con una lunga ed esemplare squalifica. Il suo comportamento, specie dopo la partita è stato antisportivo e diseducativo. Peccato. Gigi Buffon è stato un grande campione, anche se a mio avviso non un grandissimo. Per capirci, non uno Zamora, un Yashin o un Mazurkiewicz. E nemmeno all'altezza di un Dino Zoff, tra i pali ma soprattutto nello stile. Buffon chiude la carriera in Champions in modo decisamente indecoroso. Ma è ancora in tempo per ravvedersi e chiedere pubblicamente scusa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Tu sei il classico Napoletano che ce l'ha con noi polentoni...

gli esperti del calcio avranno avuto pure loro un margine di dubbio su un rigore anomalo...

è stato un goal rubato da Ronaldo (pur bravo che sia,mi sembrava un gorilla davanti a una banana..quando ha 

flettuto i suoi muscoli)il quale,poteva essere più modesto senza strafottere la Juve!!

D'altro canto Buffon ha preso la cosa come un fatto personale e cioè che non siamo neppure entrati a far parte

dei Mondiali (gli rosica lasciare il calcio a 40 anni da perdente ). 

Questa è la mia diagnosi esatta//-

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma che dici! Al massimo io ce l'ho con gli juventini che negano l'evidenza (e non solo del rigore del Bernabeu, ma degli innumerevoli e spesso decisivi favori arbitrali ricevuti negli ultimi 30 anni). In quanto donna sei autorizzata a non capire un tubo di calcio, ma io ti assicuro che pochi rigori sono chiari, netti e sacrosanti come quello contro cui si è scatenato il vittimismo becero e piagnucoloso di Buffon e del presidente Agnelli. L'unico errore dell'arbitro è stato il non avere espulso il difensore autore del fallo. Anche l'ex arbitro Cesari ha avuto le allucinazioni. Una cosa è certa: se gli arbitri che hanno regalato partite e campionati alla Juve avessero l'immondizia al posto del cuore, avremmo già risolto il problema dello smaltimento dei rifiuti. Saluti

https://m.youtube.com/watch?v=HYfd2CZPDYA

 

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro FOSFORO,in quanto uomo sei autorizzato a non capire un caz..  di donne..hahaha!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, robyrossa236 ha scritto:

Caro FOSFORO,in quanto uomo sei autorizzato a non capire un caz..  di donne..hahaha!

Certo, infatti da che mondo è mondo è compito delle donne il capire gli uomini e non viceversa (anche perché il viceversa è pressoché impossibile). Lo scrive anche Victor Hugo nel suo capolavoro:

"La donna comprende l'uomo meglio di quanto l'uomo non comprenda se stesso".

In ogni caso ti ricordo che in questa discussione si parlava di calcio...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora se noi donne non capiamo niente di calcio,e stiamo bene solo in cucina...

ti preparerò una bella "Pastiera" va bene??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, robyrossa236 ha scritto:

Allora se noi donne non capiamo niente di calcio,e stiamo bene solo in cucina...

ti preparerò una bella "Pastiera" va bene??

Non ti devi offendere. Le donne mediamente capiscono poco di calcio perché è uno sport che le attira poco. Così come gli uomini mediamente capiscono poco di cucina e ancora meno di come si tiene in ordine una casa perché sono cose che generalmente non ci piace fare. Ma a mio avviso saper cucinare e avere cura della casa sono cose molto più importanti dell'essere esperti di calcio. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Fosforo...la tua foto profilo la dice lunga sulle donne che tu frequenti...molto antiche e anche

tu conservi una mentalità arcaica!Personalmente DETESTO fare la casalinga FRUSTRATA,sono una creativa 

faccio molta fatica a tenere in ordine una casa..però amo cucinare..

Per quanto riguarda il calcio ti do ragione ma quest'ultima l'ho guardata tutta insieme al mio compagno

ex calciatore..quindi lui è d'accordo col mio pensiero!

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 12/4/2018 in 18:23 , fosforo31 ha scritto:

La Juventus fuori dalla Champions, il Real Madrid in semifinale. Risultato ineccepibile tirando le somme di andata e ritorno. Il Real ha mostrato sul campo di essere nettamente più forte della Juve e di avere un fuoriclasse (Cristiano Ronaldo) che la Juve non ha. Il Real dominò a Torino e diede spettacolo con CR7, la Juve è stata più incisiva a Madrid dove i padroni di casa forse si erano illusi di poter gestire facilmente il 3-0 dell'andata. Il bilancio complessivo parla chiaro: 32 tiri (di cui 3 pali) del Real contro 23 della Juve, 59% contro 41% nel possesso palla. Ma il rigore decisivo trasformato al Bernabeu da CR7 a tempo scaduto ha innescato un vespaio di polemiche. A mio avviso oggettivamente del tutto infondate. Le immagini in movimento e al rallentatore sono chiare ed evidenziano una netta e volontaria spinta da tergo del difensore, già più che sufficiente per determinare il penalty, e un istante dopo un calcio sul petto dell'attaccante. In diretta i telecronisti di Mediaset danno ragione all'arbitro. Mentre il fermo immagine invocato dal patetico ex arbitro  Cesari nei commenti in studio dopo la partita non dimostra nulla. Si vede solo il piede del difensore tra il petto dell'attaccante e il pallone. Ma quest'ultimo proseguirà nella traiettoria in avanti determinata dal colpo di petto dell'attaccante senza nessuna apprezzabile deviazione da parte del difensore. Un rigore solare, le polemiche sono da bar e da orbi. Sul campo il capitano Gigi Buffon perde le staffe, prende a parolacce l'arbitro e viene giustamente espulso. Una reazione a caldo comprensibile. Molto meno comprensibili le dichiarazioni di Buffon dopo la partita che hanno deluso e sconcertato anche il suo amico ed ex compagno di squadra Del Piero. Buffon ha attaccato l'arbitro definendolo un "animale" e dicendo che ha "un bidone di spazzatura al posto del cuore". Secondo Buffon, infatti, l'arbitro, anziché limitarsi ad applicare il regolamento, avrebbe dovuto ragionare come un tifoso della Juve. E cioè pensare più o meno così: come si fa a dare un rigore dubbio (secondo Buffon) allo scadere di una partita così importante? E come si fa ad espellere per proteste un famoso portiere che a 40 anni sta giocando probabilmente la sua ultima partita in Champions? Bisogna essere degli animali secondo Buffon. Roba da matti! A questo punto, smetta o no di giocare al calcio, il portiere della Juve deve essere punito dalla UEFA con una lunga ed esemplare squalifica. Il suo comportamento, specie dopo la partita è stato antisportivo e diseducativo. Peccato. Gigi Buffon è stato un grande campione, anche se a mio avviso non un grandissimo. Per capirci, non uno Zamora, un Yashin o un Mazurkiewicz. E nemmeno all'altezza di un Dino Zoff, tra i pali ma soprattutto nello stile. Buffon chiude la carriera in Champions in modo decisamente indecoroso. Ma è ancora in tempo per ravvedersi e chiedere pubblicamente scusa.

Credo abbia esagerato con il rigore dubbio a tempo scaduto, poteva ammonire Buffon senza dare il rosso diretto, almeno...

Meritava i supplementari.. certo CR7 è un fenomeno ultraterreno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora