biotestamento del governo non eletto

2 messaggi in questa discussione

Simpatica vignetta, direttoretto, ma anche un po' inquietante. Mette in luce la passività ben nota del premier per caso Gentiloni (il quale doveva mettere la fiducia sullo ius soli e sulla legge Richetti sui vitalizi, e non sulla legge elettorale, ma si è fatto imporre il contrario) e l'altrettanto nota aggressività di un Caimano letteralmente risuscitato, come era facile prevedere, da 4 anni di governi abusivi e inconcludenti dell'accozzaglia Pd-Alfano (col  prezioso supporto di Verdini). Ieri sera in tv il Tappetaro è tornato nuovamente sui suoi passi. A precisa domanda di Formigli (esclude un'alleanza di governo con B.?) non ha escluso nulla, ha detto solo che la escludono i numeri. Ma il Tappetaro, oltre a non avere la palla di vetro, è poco a suo agio con i numeri e la matematica. Infatti, ha difeso il Rosatellum (che secondo Formigli e il 99% degli osservatori è un gentile regalo alla coalizione di cdx) dicendo che la quota proporzionale (che premia i partiti) è il doppio di quella maggioritaria (che premia le coalizioni) dunque, secondo il Tappetaro, in ultima analisi risulterebbero avvantaggiati Pd e M5S. Naturalmente questo politucolo ignora che in democrazia le leggi elettorali non si scrivono per favorire X e danneggiare Y, ma in ogni caso ha dimenticato che le coalizioni si alimentano anche della quota proporzionale, sommando i voti dei partiti che la compongono. Inoltre il Rosatellum sciaguratamente non prevede il voto disgiunto, di conseguenza le simulazioni, fatte per esempio sulla base del recente voto siciliano in cui la quasi totalità dei collegi uninominali andrebbe al cdx, consolidano pericolosamente il vantaggio dell'accozzaglia berlusconiana.

Ma ieri sera il Tappetaro ha confermato soprattutto la sua arroganza e la sua maleducazione. Un "maleducato di talento" lo definì De Bortoli quasi tre anni fa. Oggi sappiamo che aveva ragione solo per la prima parte. Aggiungo che il Tappetaro è anche un gran privilegiato dai media, inclusi quelli come La7 che vengono dipinti come ostili. Nemmeno un premier in carica ha mai avuto a Piazza Pulita o in altre trasmissioni un'ora intera di intervista senza interruzioni per la pubblicità. Ma più che un intervista è stata un'ora di lotta impari condotta molto debolmente dal povero Formigli contro un maleducato che interrompeva continuamente le sue domande per rispondersi da solo e per autocelebrarsi nelle magnifiche sorti e progressive regalate all'Italia dal suo governo. Quando poi il conduttore è riuscito a ricordargli che aveva promesso di lasciare per sempre la politica, il Tappetaro ha assunto un'espressione da San Sebastiano martire e ha detto "Questa scelta mi è costata molto". Ovvero, alla fine noi dovremmo pure ringraziare questo bugiardo che ha mentito al parlamento e al popolo sovrano e che, bontà sua, "si sacrifica" per restare in politica e continuare a prenderci in giro. Non so cosa potrà succedere dopo il 4 marzo. L'obbiettivo minimo per il bene del paese però è chiarissimo: dobbiamo mandare a casa, questa volta per davvero, questo volgare impostore.

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La legge che hanno varato,non so se sono fuori argomento e me ne scuso,è una legge volta a tutelare mi pare la volontà del soggetto.Se mi trovassi in condizioni di avere addosso qualcosa di grosso e grave,la mia volontà è quella di essere mandato in coma farmacologico e poi andarmene in Santa Pace.Non accetterei nessuna chemioterapia ne altro.Andarmene così come sono arrivato su questa terra.Questa è la mia volontà.A mal parata me ne vado in Svizzera con le mia gambe e senza coinvolgere nessuno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora