svizzera:chiude centro profughi per mancanza di ospiti:sono tutti a como!!

Si tratta del centro di Rancate, vicino a Mendrisio, in Ticino. E’ successo che il centro restasse chiuso un giorno perché privo di clandestini da ospitare.

Mediamente il centro ha registrato un’occupazione di circa 11 persone al giorno, toccando un massimo di 25 persone domenica 12 novembre. Sabato 4 novembre non sono stati registrati pernottamenti ed il Centro è rimasto chiuso. Questo è il resoconto dell’attività del mese di novembre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

sono in fila in attesa della consegna dei nuovi I-phone ultimi modelli..e delle scarpe griffate.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cellulare e wifi: guarda che pretese!

Genera ancora stupore (e non poche polemiche) il fatto che molti migranti e rifugiati dispongano di un cellulare: il possesso di uno smartphone sarebbe la prova che non si tratta di persone povere, quindi perché dovremmo pagare la loro accoglienza? Tanto più che passano ore assembrati, attaccati ad internet o a parlare al telefono…
Per sgombrare la mente da  pregiudizi, basta riandare alla nostra esperienza quotidiana, alle decine di chiamate che facciamo per dire “sono arrivato”. Le persone percorrono rotte pericolose e lunghissime: a volte lasciano dietro di sé parenti, altre volte attraversano mari e deserti per raggiungere qualcuno che li aspetta in Europa.
Il cellulare è quindi indispensabile per comunicare con la famiglia. Non solo: grazie allo smartphone, i migranti scambiano *** “di servizio” legate al viaggio e ai possibili rischi.

A questo proposito, qualche mese fa uno studio condotto da Open University ha evidenziato l’importanza della tecnologia e dell’uso dei social nei viaggi dei migranti, sottolineando che la mancanza di *** li spinge ad affidarsi a soluzioni illegali e pericolose.
Inoltre, è solo grazie alle immagini catturate di nascosto che sappiamo delle torture cui i migranti sono sottoposti mentre attendono di imbarcarsi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

Si tratta del centro di Rancate, vicino a Mendrisio, in Ticino. E’ successo che il centro restasse chiuso un giorno perché privo di clandestini da ospitare.

Mediamente il centro ha registrato un’occupazione di circa 11 persone al giorno, toccando un massimo di 25 persone domenica 12 novembre. Sabato 4 novembre non sono stati registrati pernottamenti ed il Centro è rimasto chiuso. Questo è il resoconto dell’attività del mese di novembre.

http://openmigration.org/analisi/quattro-stereotipi-sugli-immigrati-da-sfatare/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Cellulare e wifi: guarda che pretese!

Genera ancora stupore (e non poche polemiche) il fatto che molti migranti e rifugiati dispongano di un cellulare: il possesso di uno smartphone sarebbe la prova che non si tratta di persone povere, quindi perché dovremmo pagare la loro accoglienza? Tanto più che passano ore assembrati, attaccati ad internet o a parlare al telefono…
Per sgombrare la mente da  pregiudizi, basta riandare alla nostra esperienza quotidiana, alle decine di chia

allora,non ci meravigliamo degl i smat-phone ultimi modelli..non ci meravigliamo della magliette e scarpe gruffate...ok....NON ci meravigliani manco per i 3-5mila dollari a cranio che spendono per arrivare in italia!!! mano male che sono scappati dalle guerre (marocco?? siria?? pakistan??) e dalla fame!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora