Differenza fra agnosticismo e ateismo

Secondo Bohm la Realtà è Una e tale teoria è già molto condivisa da altrettanti fisici, chimici e filosofi,  quindi se la Coscienza è sola, significa che non ha altri con cui interagire, pertanto nella Realtà non esistono due entità una detta buona ed una detta maligna, ciò è una visione mentale di un cervello scisso in se stesso, che degenera sovente nel fanatismo religioso, come è sempre stato nei secoli passati e che ora lo stiamo vivendo con il terrorismo.

La solitudine interiore della nostra Coscienza personale, che si sente molto in meditazione personale, e quando facciamo scelte non condivise e che in tanti temono, è vicina alla Realtà, ed in alcuni scritti antichi, tipo il Vangelo di Tommaso è anche spiegato allegoricamente: il fluire delle 2 nostre energie maschio e femmina, lobo sinistro e lobo destro che fondendosi nella "camera nunziale" che sarebbe il nostro cervello acquistano una visione unitaria, sopra le parti, più coscienziale del Tutto. E siccome il nostro cervello è un frattale dell'Universo, che è chiuso in se stesso ma è infinito, l'energia si muove, fluisce al suo interno come fosse il nastro di Moebius.

Nella visione del mio Aldilà non esistono nè madre nè padre, nè fratelli, nè figli, nè amanti od amici, nè dei nè dee, nè folletti.

"Quando farete dei due uno, e quando farete l'interno come l'esterno e l'esterno come l'interno, e il sopra come il sotto, e quando farete di uomo e donna una cosa sola, così che l'uomo non sia uomo e la donna non sia donna" .... , "In molti si affollano davanti alla Porta, ma sarà il Solitario ad entrare nella camera nuziale."

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

127 messaggi in questa discussione

16 ore fa, frattalis ha scritto:

Credo che una mente distorta, frutto di una società in decadenza, perchè povera di Consapevolezza di come siamo fatti realmente generi la sua medesima follia, delle creature-mostri, ma che non esistono nella Realtà delle persone sane di mente, come nel famoso film di fantascienza "Il pianeta proibito".

 Vorrei sintetizzare.La scelta che tu proponi e'  univoca e di opportunita' .  Quindi la tua libera scelta e' modulata dal tuo opportunismo e tanto libera non e'. Inoltre se questa scelta dovesse essere un po' spregiudicata e comportare qualche ricaduta negativa per una persona o una cosa, fatalmente apri all'etica. E dietro l'etica se non c'e' nulla sarei autorizzato ad operare senza scrupoli. Se invece c'e' un impianto trascendentale sarei comunque condizionato nella mia scelta fra male e bene appunto. Non penso che questo mondo funzioni con scelte prive di etica .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, spazio-omega ha scritto:

 Vorrei sintetizzare.La scelta che tu proponi e'  univoca e di opportunita' .  Quindi la tua libera scelta e' modulata dal tuo opportunismo e tanto libera non e'. Inoltre se questa scelta dovesse essere un po' spregiudicata e comportare qualche ricaduta negativa per una persona o una cosa, fatalmente apri all'etica. E dietro l'etica se non c'e' nulla sarei autorizzato ad operare senza scrupoli. Se invece c'e' un impianto trascendentale sarei comunque condizionato nella mia scelta fra male e bene appunto. Non penso che questo mondo funzioni con scelte prive di etica .

L'etica e la morale cambiano con il tempo e con la cultura locale, e le medesime non saranno quelli dei nostri nipoti, pertanto chi lo Giudica che la mia Etica e la mia Morale fossero solo opportuniste e perfino spregiudicate mentre la tua sarebbe quella "santificata?" 

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, frattalis ha scritto:

L'etica e la morale cambiano con il tempo e con la cultura locale, e le medesime non saranno quelli dei nostri nipoti, pertanto chi lo Giudica che la mia Etica e la mia Morale fossero solo opportuniste e perfino spregiudicate mentre la tua sarebbe quella "santificata?" 

Per quanto sopra, si puo' affermare che:  essendo la morale una componente temporale e transiente non vi sono principi ''assoluti''. L'omicidio per esempio per i nostri pronipoti potrebbe essere persino tollerato e giustificato, se necessario, in un contesto culturale molto diverso. E questa effettivamente e' una visione atea ben supportata. La questione agnostica e' piu' difficile da trattare pero'. Il motivo di cio' sta' nel fatto che nel nostro esistere sono presenti degli indizi ''incoerenti'' con la ''realta'' che minano l'agnosticismo senza un'opportuna teoria che lo sostenga.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, spazio-omega ha scritto:

Per quanto sopra, si puo' affermare che:  essendo la morale una componente temporale e transiente non vi sono principi ''assoluti''. L'omicidio per esempio per i nostri pronipoti potrebbe essere persino tollerato e giustificato, se necessario, in un contesto culturale molto diverso. E questa effettivamente e' una visione atea ben supportata. La questione agnostica e' piu' difficile da trattare pero'. Il motivo di cio' sta' nel fatto che nel nostro esistere sono presenti degli indizi ''incoerenti'' con la ''realta'' che minano l'agnosticismo senza un'opportuna teoria che lo sostenga.

La legittima difesa è accettata in tutto il mondo a prescindere dal periodo storico, l'omicidio, specie se premeditato, invece è cosa ben diversa anche da un folle gesto momentaneo, e ciò è Morale per tutti, la violenza carnale è un abominio specie se la vittima è un bambino, o una persona appartenente ad una classe più debole sia mentalmente che fisicamente, in questo caso rientrano anche le donne, specie quelle che hanno un corpo molto delicato e fanno fatica a difendersi, a tenere testa ad un uomo alto e muscoloso. La libertà di ricercare e credere a modo proprio se esista o meno un Creatore, invece è solo di alcuni paesi più progrediti, ciò non toglie che ancora da noi chi si professa ateo o agnostico sia guardato come un amorale solo perchè ragiona con la sua testa e non vuole il prodotto confezionato religioso, accettato dalla maggioranza che in tal modo deve pensare solo quale modello di smartphone scegliere e DELEGA la cosa più importante della sua esistenza, ovvero cercare di capire il perchè siamo qui e se vi fosse un Disegno di cui facciamo tutti parte. L'ateo lo rinnega e l'agnostico demanda a dopo la sua morte la Rivelazione, io ho ricercato ed ancora lo stò facendo, anche discutendo assieme a tutti voi sebbene abbia trovato già una mia strada personale che però non rientra in alcuno schema già deciso e scritto nelle enciclopedie e Wikipedia.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente trovo amorale solo il pensiero di poter possedere un uomo od una donna a vita tramite un contratto, trovo amorale possedere pezzi del pianeta, trovo amorale possedere un figlio, infatti molte delle comunità primitive umane, completamente scevre dalla religiosità nordafricana che ha preso piede in tutto il mondo, solo pochi secoli fa, con i suoi comandi, che per'altro provenivano dall'antico Egitto ma che ne erano ben 22, non condividono tale etica: nessuno gli ruba niente perchè tutto è di tutti, per cui tutti lavorano la terra, e nessuno muore di fame o è disoccupato, nessuno commette un omicidio detto delitto d'onore, che ultimamente si chiama femminicidio, nè ammazza i propri figli perchè sono un bene prezioso di TUTTA la comunità a cui appartiene, non ne è proprietario ed in quanto tale non ha alcun diritto di vita e di morte nè sulla donna con cui ha deciso di condividere parte della sua esistenza, nè sui figli che eventualmente mette al mondo. Questo era l'Uomo in origine ed era felice di vivere la propria vita, in tali comunità che ancora resistono sulla Terra e che non sono state sterminate innomediundio non esiste il suicidio!

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ops! ne erano 42... ;)

I 42 precetti sono estratti dal Capitolo CXXV del Libro dei Morti .

Testo originale: Papiro di Ani (British Museum)

Epoca: Regno di Amenophis III  (1405-1367 a.C.) o  inizio XIX dinastia Sethos I (1318-1304) - Ramses II (1304-1237)

http://www.maat.it/livello2/egitto-comandamenti.htm

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, frattalis ha scritto:

Personalmente trovo amorale solo il pensiero di poter possedere un uomo od una donna a vita tramite un contratto

Scusa se mi permetto, ma per caso sei anarchico?  temo che o per tue esperienze personali o per sentito dire tu abbia un concetto errato del rapporto tra un uomo e una donna, nessuno possiede nessuno, si ratta di un rapporto di amore reciproco, di integrazione reciproca, di un dono reciproco,

tu dici :  trovo amorale possedere pezzi del pianeta, cosa intendi per pezzi del pianeta? se intendi l'appropriazione  e delle risorse del pianeta da parte di pochi contro gli interessi di tutti hai ragione, se invece sei contrario a qualsiasi forma di possesso, tipo il possesso di un campo o di una casa, allora non ci siamo

tu dici: trovo amorale possedere un figlio     un figlio non si possiede, si dona la vita a un figlio, lo si desidera, lo si ama

tu dici: . Questo era l'Uomo in origine ed era felice di vivere la propria vita   in effetti in origine era così , se nella Bibbia leggi la genesi, cioè la situazione simbolica dei primi uomini,  di Adamo e Eva,   era così,  vivevano in armonia con la natura vivevano felici senza problemi, poi l'umanità decise di stabilire da sola cosa era il male e cose era il bene e i risultati di questa scelta li conosciamo tutti

tu dici:  per cui tutti lavorano la terra, e nessuno muore di fame o è disoccupato; vedi anche in una società semplice è necessaria una minima organizzazione, c'è da andare a raccogliere la legna per fare il fuoco c'è da andare a prendere l'acqua al fiume, senza organizzazione c'è il rischio che un giorno tutti vadano a prendere l'acqua e nessuno a raccogliere la legna o viceversa e le moderne società sono ben più complesse di una semplice comunità dove i bisogni sono solo raccogliere l'acqua e accendere  il fuoco

poi bisogna parlare dell'animo umano, si da per scontato che l'uomo sia buono e nessuno sia disonesto; tu conoscerai senza dubbio la storiella degli anarchici e della damigiana di vino; un giorno in una cittadina della Toscana un gruppo di anarchici decisero di comperare in comune una damigiana di vino, accanto al contenitore misero una scatolina dove chi prendeva il vino avrebbe dovuto mettere una monetina così che quando la damigiana fosse stata vuota ci sarebbero stati i soldi per riempirla nuovamente con il vino; avvenne che i primi prendevano un bicchiere di vino e mettevano la monetina,  poi altri iniziarono a prendere il vino e non mettere la monetina, poi vennero altri che presero il vino e presero anche le monetine che erano nella scatolina; morale: il vino finì e i soldi per comperare di nuovo il vino non c'erano;  come vedi non c'è necessità di scomodare gli antichi egiziani per comprendere che l'uomo purtroppo non è onesto e che l'ideale degli anarchici è una pura ingenua utopia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, frattalis ha scritto:

Personalmente trovo amorale solo il pensiero di poter possedere un uomo od una donna a vita tramite un contratto, trovo amorale possedere pezzi del pianeta, trovo amorale possedere un figlio, infatti molte delle comunità primitive umane, completamente scevre dalla religiosità nordafricana che ha preso piede in tutto il mondo, solo pochi secoli fa, con i suoi comandi, che per'altro provenivano dall'antico Egitto ma che ne erano ben 22, non condividono tale etica: nessuno gli ruba niente perchè tutto è di tutti, per cui tutti lavorano la terra, e nessuno muore di fame o è disoccupato, nessuno commette un omicidio detto delitto d'onore, che ultimamente si chiama femminicidio, nè ammazza i propri figli perchè sono un bene prezioso di TUTTA la comunità a cui appartiene, non ne è proprietario ed in quanto tale non ha alcun diritto di vita e di morte nè sulla donna con cui ha deciso di condividere parte della sua esistenza, nè sui figli che eventualmente mette al mondo. Questo era l'Uomo in origine ed era felice di vivere la propria vita, in tali comunità che ancora resistono sulla Terra e che non sono state sterminate innomediundio non esiste il suicidio!

E che c'entra tutto questo, io, per esempio (ma non credo di essere l'unico depositario del buon senso), pur facendo parte (inconsciamente) della "religiosità nordafricana che ha preso piede in tutto il mondo", non mi sento proprietrio della vita di mia moglie (a parte l'appartenenza affettiva reciproca), né penserei di ucciderla se decidesse di cambiare marito, e nemmeno penso al suicidio, nonostante abbia superato non poche difficoltà. Magari la nostra civiltà non sarà la migliore possibile, ma non è che altre, solo perché vivono tra il fango, siano migliori di noi.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, frattalis ha scritto:

Ops! ne erano 42... ;)

I 42 precetti sono estratti dal Capitolo CXXV del Libro dei Morti .

Testo originale: Papiro di Ani (British Museum)

Epoca: Regno di Amenophis III  (1405-1367 a.C.) o  inizio XIX dinastia Sethos I (1318-1304) - Ramses II (1304-1237)

http://www.maat.it/livello2/egitto-comandamenti.htm

Con tutto il rispetto per la tua persona neutrale,mi sento di dirti che sarebbe meglio cancellare il tuo post..

stai mandando messaggi macabri ed errati a chi ti legge...non so chi ti sta facendo DEVIARE il cervello con 

questi concetti...forse vai da un ortolano che ti fa FUMARE del BASILICO andato a male!!!!!

I MORTI VANNO LASCIATI IN PACE...

PS.se tu vuoi far parte di un altro pianeta (che non esiste..perchè noi siamo gli unici esseri viventi in questo universo)

e gli alieni non esistono..ne tantomeno gli extraterrestri..nè l'uomo galattico..ne scemate varie..inventate per

fare link)...se tu però mi parli di un'altra dimensione parallela alla ns ,questo è tutto un altro discorso! PUNTO!!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, rosarossa236 ha scritto:

Con tutto il rispetto per la tua persona neutrale,mi sento di dirti che sarebbe meglio cancellare il tuo post..

stai mandando messaggi macabri ed errati a chi ti legge...non so chi ti sta facendo DEVIARE il cervello con 

questi concetti...forse vai da un ortolano che ti fa FUMARE del BASILICO andato a male!!!!!

I MORTI VANNO LASCIATI IN PACE...

PS.se tu vuoi far parte di un altro pianeta (che non esiste..perchè noi siamo gli unici esseri viventi in questo universo)

e gli alieni non esistono..ne tantomeno gli extraterrestri..nè l'uomo galattico..ne scemate varie..inventate per

fare link)...se tu però mi parli di un'altra dimensione parallela alla ns ,questo è tutto un altro discorso! PUNTO!!

Boh, avrà esagerato con la quantità...

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, frattalis ha scritto:

La legittima difesa è accettata in tutto il mondo a prescindere dal periodo storico, l'omicidio, specie se premeditato, invece è cosa ben diversa anche da un folle gesto momentaneo, e ciò è Morale per tutti, la violenza carnale è un abominio specie se la vittima è un bambino, o una persona appartenente ad una classe più debole sia mentalmente che fisicamente, in questo caso rientrano anche le donne, specie quelle che hanno un corpo molto delicato e fanno fatica a difendersi, a tenere testa ad un uomo alto e muscoloso. La libertà di ricercare e credere a modo proprio se esista o meno un Creatore, invece è solo di alcuni paesi più progrediti, ciò non toglie che ancora da noi chi si professa ateo o agnostico sia guardato come un amorale solo perchè ragiona con la sua testa e non vuole il prodotto confezionato religioso, accettato dalla maggioranza che in tal modo deve pensare solo quale modello di smartphone scegliere e DELEGA la cosa più importante della sua esistenza, ovvero cercare di capire il perchè siamo qui e se vi fosse un Disegno di cui facciamo tutti parte. L'ateo lo rinnega e l'agnostico demanda a dopo la sua morte la Rivelazione, io ho ricercato ed ancora lo stò facendo, anche discutendo assieme a tutti voi sebbene abbia trovato già una mia strada personale che però non rientra in alcuno schema già deciso e scritto nelle enciclopedie e Wikipedia.

 

Essere atei e' auspicabile poiche' significa liberarsi da un'atavica autocostrizione che preclude ogni tipo di evoluzione. Essere agnostici e' un errore altrettanto importante. Non condivido il fatto che la Rivelazione sia post-mortem. In vita , in esistenza ci sono tutti gli elementi e gli indizi per accedervi. E' tutto sotto i nostri occhi che non vedono. Non sono indizi oggettivi, e' come se si facessero cogliere solo da alcuni. Normalmente si vede cio' che appare.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, rosarossa236 ha scritto:

Ma che importanza ha...Siamo tutti figli di "EVA"che mangiò quella mela.......

.........................................................................cioè peccatori....

e il serpente...rappresenta  LA TENTAZIONE...a cui noi dobbiamo resistere per rimanere puri !

..........................se no,c'è il LIBERO ARBITRIO...nel portare avanti la propria persona---

Siamo liberi di diventare ciò che noi vogliamo...se vuoi mangiare la mela la mangi...(tragedie greche)

se invece ritieni che ti fa acidità non la mangi---

 

L'Errore umano è la base della nostra crescita e di tutti gli altri animali su questa Terra: un bambino se non casca mille volte non impara a camminare e non irrobustisce i muscoli, pertanto inculcare ad un bambino una immagine di se stesso indegna solo perchè sbaglia e sovente deve ripetere per forza quel medesimo sbaglio per imparare, equivale a disorientarlo psicologicamente ed è contro la nostra medesima natura.

Per non parlare dei modelli che gli proponiamo del bene e del male in cui dovrebbe riconoscersi....

Pedoclastia i danni dell'educazione cristiana sui minori e sulla società.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, frattalis ha scritto:

Per non parlare dei modelli che gli proponiamo del bene e del male in cui dovrebbe riconoscersi

Non ci prendiamo in giro, parliamo apertamente senza nasconderci dietro un dito; esistono gli atei, loro diritto pensare e credere quello che vogliono; però mentre certi atei sono rispettosi delle idee degli altri, cioè di coloro che non condividono il loro ateismo,  ci sono invece altri atei che provano "rabbia" per il fatto che esistano i credenti, cercano di togliere dalla società ogni rifermento alla fede , se dipendesse da loro chiuderebbero le chiese, toglierebbero le croci dai campanili,  in nome della laicità imporrebbero l'ateismo di stato e manderebbero in prigione chiunque professa una fede, mi fanno venire in mente quei vegani che in base al loro credo filosofico se fossero maggioranza chiuderebbero i macelli e punirebbero con il carcere chi mangia la carne; evidentemente i "talebani" gli intolleranti e gli estremisti   esistono su tutti  gli argomenti,  in tutti i tempi,  in tutti i contesti e a tutte le latitudini 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, frattalis ha scritto:

L'Errore umano è la base della nostra crescita e di tutti gli altri animali su questa Terra: un bambino se non casca mille volte non impara a camminare e non irrobustisce i muscoli, pertanto inculcare ad un bambino una immagine di se stesso indegna solo perchè sbaglia e sovente deve ripetere per forza quel medesimo sbaglio per imparare, equivale a disorientarlo psicologicamente ed è contro la nostra medesima natura.

Per non parlare dei modelli che gli proponiamo del bene e del male in cui dovrebbe riconoscersi....

Pedoclastia i danni dell'educazione cristiana sui minori e sulla società.

Si, ma non puoi venirmi a dire che siccome c'è la religione cattolica (o cristiana più in generale), allora tutta la nostra società è bacata. Mentre invece quella egizia di 4000 anni fa quella si che era una civiltà! Infatti non avevano lo schiavismo e tutti i cittadini vivevano liberi in una democrazia da far invidia alla Svezia odierna.

Io capisco pure i tuoi rilievi, siamo tutti consapevoli delle storture della nostra civiltà in cui viviamo, ma le conclusioni a cui approdi, credimi, sono sballate.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Si, ma non puoi venirmi a dire che siccome c'è la religione cattolica (o cristiana più in generale), allora tutta la nostra società è bacata. Mentre invece quella egizia di 4000 anni fa quella si che era una civiltà! Infatti non avevano lo schiavismo e tutti i cittadini vivevano liberi in una democrazia da far invidia alla Svezia odierna.

Io capisco pure i tuoi rilievi, siamo tutti consapevoli delle storture della nostra civiltà in cui viviamo, ma le conclusioni a cui approdi, credimi, sono sballate.

Non ti stò venendo a dire niente, sono i fatti che parlano, questi 10 comandamenti che ci sono pervenuti sono stati redatti da un faraone mi pare Ramses, che all'epoca era considerato anche Dio per la sua popolazione, ma io non ho fede in questo Ramses, con tutto il rispetto per i faraoni.

Choc in Australia per il rapporto sulla ***, 15 mila vittime: imbarazzo del Vaticano

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, frattalis ha scritto:

Non ti stò venendo a dire niente, sono i fatti che parlano, questi 10 comandamenti che ci sono pervenuti sono stati redatti da un faraone mi pare Ramses, che all'epoca era considerato anche Dio per la sua popolazione, ma io non ho fede in questo Ramses, con tutto il rispetto per i faraoni.

Choc in Australia per il rapporto sulla ***, 15 mila vittime: imbarazzo del Vaticano

Cosa me lo posti a fare queto link? Io non sono cattolico, né cristiano, né religioso. Credo solo in Dio per mie conclusioni.

Credo che le tue simpatie per la civiltà egizia (in antitesi alla nostra) le hai manifestate più sopra.

Forse avrò capito male, avrei capito meglio se anziché postare dei link avessi esposto in modo chiaro le tue idee

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Cosa me lo posti a fare queto link? Io non sono cattolico, né cristiano, né religioso. Credo solo in Dio per mie conclusioni.

Credo che le tue simpatie per la civiltà egizia (in antitesi alla nostra) le hai manifestate più sopra.

Forse avrò capito male, avrei capito meglio se anziché postare dei link avessi esposto in modo chiaro le tue idee

Lo so che non simpatizzi per tale credo, apposta ho linkato questo scempio che riguarda il mondo intero, e ti confesso che non ha alcuna simpatia, hai capito male, per le culture che fanno diventare un uomo di potere addirittura un dio. Credo in una Coscienza che è presente negli uomini e nelle donne ma purtroppo non della medesima misura, e sono molto poche le persone coscienti e tanti gli incoscienti che malgrado abbiamo Leggi chiare e civili fanno finta di non saperle e corrompono pur di farla franca.

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, frattalis ha scritto:

Lo so che non simpatizzi per tale credo, apposta ho linkato questo scempio che riguarda il mondo intero, e ti confesso che non ha alcuna simpatia, hai capito male, per le culture che fanno diventare un uomo di potere addirittura un dio.

Anche così, però, occorre capire che noi tutti siamo in un sistema di cui facciamo parte. E' inutile criticarlo, molto meglio contribuire a cambiarlo. Le alternative che ci sono nel mondo, però, non sono migliori: gli "indiani" d'America avevano solo gli archi e le frecce, ma credimi sulla parola che se ti arriva una freccia in una parte vitale del corpo, non fa meno male di una granata. Lo stesso dicasi di altre "civiltà" sopravvissute al progresso cranico: si fanno le guerre con armi più arretrate solo perché non hanno quelle più evolute. E della nostra vita media ormai superiore agli 80 anni ne vogliamo parlare? Ma quando mai siamo stati così bene nonostante tutto? Intorno al 1920 la vita media era intorno ai 45 anni; vorrà dire qualcosa?

Concludendo: non mi piace la religione che abbiamo. OK, ma non per questo me ne vado a cercare un'altra con l'unico obiettivo che sia diversa. E non sono d'accordo sul fatto che ciò che non conosco (religioni orientali et similia) sia migliore.

Prima devo capire, poi, se mi convince al 100%, allora credo.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per cambiare i modelli comportamentali abbisogniamo di cambiare in primis il nostro modo di pensare, invece ci stiamo ancora basando su di uno stile di vita ammuffito che andava bene agli antichi egizi ma noi siamo italiani, specie i nostri giovani, cosa gli diciamo? che devono convertirsi alla religione degli antichi faraoni egiziani altrimenti finiscono all'inferno di dante alighieri? :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, frattalis ha scritto:

Per cambiare i modelli comportamentali abbisogniamo di cambiare in primis il nostro modo di pensare, invece ci stiamo ancora basando su di uno stile di vita ammuffito che andava bene agli antichi egizi ma noi siamo italiani, specie i nostri giovani, cosa gli diciamo? che devono convertirsi alla religione degli antichi faraoni egiziani altrimenti finiscono all'inferno di dante alighieri? :D

Non so perché continui a parlare di modelli religiosi e non si capisce qual'è il tuo.

Il mio modello da raggiungere è l'onestà, l'educazione e il rispetto. Poi, come tutti, capita anche che mi altero, ma in genere mi mantengo nei binari che intendo seguire. Quanto ai nostri giovani, non so cosa fanno gli altri, ti posso solo dire che mio figlio segue la sua etica che secondo me è anche migliore della mia.

Ma si può sapere qual'è il tuo modllo da seguire? Cattolico no, egiziano no, allora quale modello?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Non so perché continui a parlare di modelli religiosi e non si capisce qual'è il tuo.

Il mio modello da raggiungere è l'onestà, l'educazione e il rispetto. Poi, come tutti, capita anche che mi altero, ma in genere mi mantengo nei binari che intendo seguire. Quanto ai nostri giovani, non so cosa fanno gli altri, ti posso solo dire che mio figlio segue la sua etica che secondo me è anche migliore della mia.

Ma si può sapere qual'è il tuo modllo da seguire? Cattolico no, egiziano no, allora quale modello?

Io Credo in quella cosa invisibile che i medici negli ospedali chiamano Coscienza, che esce dalla bocca o dal naso quando moriamo e che quando è fuori il corpo vede tutto insieme a 360° si sposta in un Istante e se ne frega del limite della velocità della luce e legge nella mente anche dei medici e sa se stanno facendo veramente il loro dovere per rianimanrti o stanno già pensando a quali organi ti devono espiantare, però la Coscienza li lascia fare perchè sovente quel corpo desidera realmente lasciarlo e quindi gli fa piacere se alcuni pezzi possano servire ad altre persone, alcune volte invece si arrabbia, perchè avrebbe bisogno di più aiuto che non riceve, per cui quell'organo non farà mai felice chi lo riceve.

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, frattalis ha scritto:

Io Credo in quella cosa invisibile che i medici negli ospedali chiamano Coscienza, che esce dalla bocca o dal naso quando moriamo e che quando è fuori il corpo vede tutto insieme a 360° si sposta in un Istante e se ne frega del limite della velocità della luce e legge nella mente anche dei medici e sa se stanno facendo veramente il loro dovere per rianimanrti o stanno già pensando a quali organi ti devono espiantare, però la Coscienza li lascia fare perchè sovente quel corpo desidera realmente lasciarlo e quindi gli fa piacere se alcuni pezzi possano servire ad altre persone, alcune volte invece si arrabbia, e quell'organo non farà mai felice chi lo riceve.

Immagino tu ti riferisca alle NDE e a ciò che dice il dott Enrico Facco, cose abbastanza verosimili, anche se non dimostrate al 100%.

Anche così, però, pur essendo di fronte a dati di fatto (se e quando saranno dimostrati), non c'è niente e nessuno che ci abbia detto quale modello dovremo seguire. OK, c'è questa Coscienza che sembra ormai quasi dimostrato che "lavori" a cuore fermo (che dopo 20 secondi equivale a dire a cervello fermo, dunque elettroencefalogramma piatto). Abbiamo questa Coscienza (che alcuni chiamano "anima"). Ma da qui a quale modello morale dovremmo andare ad approdare? Io personalmente continuo a seguire SOLO ciò che è dimostrato. Vorrei sapere il tuo punto di vista, non per polemica, non fraintendere, ma solo perché mi interessa parecchio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Immagino tu ti riferisca alle NDE e a ciò che dice il dott Enrico Facco, cose abbastanza verosimili, anche se non dimostrate al 100%.

Anche così, però, pur essendo di fronte a dati di fatto (se e quando saranno dimostrati), non c'è niente e nessuno che ci abbia detto quale modello dovremo seguire. OK, c'è questa Coscienza che sembra ormai quasi dimostrato che "lavori" a cuore fermo (che dopo 20 secondi equivale a dire a cervello fermo, dunque elettroencefalogramma piatto). Abbiamo questa Coscienza (che alcuni chiamano "anima"). Ma da qui a quale modello morale dovremmo andare ad approdare? Io personalmente continuo a seguire SOLO ciò che è dimostrato. Vorrei sapere il tuo punto di vista, non per polemica, non fraintendere, ma solo perché mi interessa parecchio.

La Coscienza esiste e ve lo dico per esperienza personale, in quell'istante di assenza al mondo vedi e senti cose incredibili, anche di altre Coscienza in altri corpi e ci dialoghi, e vieni a conoscenza anche del perchè alcune persone vanno in coma profondo dopo un incidente gravissimo, perchè le sofferenze fisiche sarebbero troppo forti e traumatiche, o perchè è meglio restare immobili per mesi e mesi finchè non si mettono a posto le ossa, insomma, sovente quel coma serve alla Coscienza per proteggere il proprio corpo.

Non ho nessun modello dato, seguo la mia Coscienza che è libera, e ricerco la Coscienza altrui per imparare e scoprire tante altre cose e la moderna scienza mi stà dando ragione.

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, frattalis ha scritto:

La Coscienza esiste e ve lo dico per esperienza personale, in quell'istante di assenza al mondo vedi e senti cose incredibili, anche di altre Coscienza in altri corpi e ci dialoghi, e vieni a conoscenza anche del perchè alcune persone vanno in coma profondo dopo un incidente gravissimo, perchè le sofferenze fisiche sarebbero troppo forti e traumatiche, o perchè è meglio restare immobili per mesi e mesi finchè non si mettono a posto le ossa, insomma, sovente quel coma serve alla Coscienza per proteggere il proprio corpo.

Non ho nessun modello dato, seguo la mia Coscienza che è libera, e ricerco la Coscienza altrui per imparare e scoprire tante altre cose e la moderna scienza mi stà dando ragione.

Vuoi dire che hai vissuto una NDE (Near Death Experience - Esperienza di Pre Morte)?

Sarebbe interessante sentire il racconto di cosa hai vissuto. E' vero che si tratta di un'esperienza estremamente reale, niente a che vedere con i sogni?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora