Differenza fra agnosticismo e ateismo

Inviata (modificato)

Secondo Bohm la Realtà è Una e tale teoria è già molto condivisa da altrettanti fisici, chimici e filosofi,  quindi se la Coscienza è sola, significa che non ha altri con cui interagire, pertanto nella Realtà non esistono due entità una detta buona ed una detta maligna, ciò è una visione mentale di un cervello scisso in se stesso, che degenera sovente nel fanatismo religioso, come è sempre stato nei secoli passati e che ora lo stiamo vivendo con il terrorismo.

La solitudine interiore della nostra Coscienza personale, che si sente molto in meditazione personale, e quando facciamo scelte non condivise e che in tanti temono, è vicina alla Realtà, ed in alcuni scritti antichi, tipo il Vangelo di Tommaso è anche spiegato allegoricamente: il fluire delle 2 nostre energie maschio e femmina, lobo sinistro e lobo destro che fondendosi nella "camera nunziale" che sarebbe il nostro cervello acquistano una visione unitaria, sopra le parti, più coscienziale del Tutto. E siccome il nostro cervello è un frattale dell'Universo, che è chiuso in se stesso ma è infinito, l'energia si muove, fluisce al suo interno come fosse il nastro di Moebius.

Nella visione del mio Aldilà non esistono nè madre nè padre, nè fratelli, nè figli, nè amanti od amici, nè dei nè dee, nè folletti.

"Quando farete dei due uno, e quando farete l'interno come l'esterno e l'esterno come l'interno, e il sopra come il sotto, e quando farete di uomo e donna una cosa sola, così che l'uomo non sia uomo e la donna non sia donna" .... , "In molti si affollano davanti alla Porta, ma sarà il Solitario ad entrare nella camera nuziale."

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

51 messaggi in questa discussione

16 ore fa, frattalis ha scritto:

Credo che una mente distorta, frutto di una società in decadenza, perchè povera di Consapevolezza di come siamo fatti realmente generi la sua medesima follia, delle creature-mostri, ma che non esistono nella Realtà delle persone sane di mente, come nel famoso film di fantascienza "Il pianeta proibito".

 Vorrei sintetizzare.La scelta che tu proponi e'  univoca e di opportunita' .  Quindi la tua libera scelta e' modulata dal tuo opportunismo e tanto libera non e'. Inoltre se questa scelta dovesse essere un po' spregiudicata e comportare qualche ricaduta negativa per una persona o una cosa, fatalmente apri all'etica. E dietro l'etica se non c'e' nulla sarei autorizzato ad operare senza scrupoli. Se invece c'e' un impianto trascendentale sarei comunque condizionato nella mia scelta fra male e bene appunto. Non penso che questo mondo funzioni con scelte prive di etica .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora